Mittelalter 2001/1
Heft 2001/1    2. Artikel

Ceramica medievale dei cantoni San Gallo e Appenzello – caratteristiche di una regione

par Christoph Reding

Gli studi effettuati nei cantoni San Gallo e Appenzello, per quanto concerne l'archeologia medievale, non sono sufficienti (cft. storia della ricerca). Pertanto al momento si può riprodurre solo una panoramica generale frammentaria sulla cronologia e tipologia della ceramica medievale. Mancano quasi del tutto le stratigrafie, oppure vi sono solo pochi complessi di ritrovamenti con una datazione assoluta. Oltracciò il confronto delle presenti forme della ceramica con i luoghi dei ritrovamenti delle regioni circostanti (Winterthur, Konstanz, Turgovia, Grigioni) mostra che in alcuni casi vi sono delle differenze notevoli.

Così è facile da notare che per esempio il pentolame è rappresentato scarsamente nei luoghi dei ritrovamenti esaminati nella regione. Mentre in questo genere di vasellame il bordo a forma di labbro si riscontra spesso (cft. fig. 2 e 3), il bordo a forma di regoletto (cft. fig. 4), che tipologicamente è un'evoluzione di quello a labbro, raramente si incontra. Vasellame risalente al X/XI sec. fino ad ora è difficilmente riscontrabile, mentre solo nel XIII sec. appaiono nella Svizzera orientale complessi di rirovamenti confermati archeologicamente. Anche le lampade ad olio in ceramica sono rare, mentre quelle di metallo o altri dispositivi di illuminazione in ferro sono attestati più frequentemente.

Per quanto riguarda invece le mattonelle a forma di fungo, si è trovato un solo complesso isolato di reperti provenienti dal castello di Neu-Toggenburg. Altre forme come le mattonelle a forma di piatto, oppure parti di stufa in stile gotico, sono fino ad ora sottorappresentate. Solo un'analisi intensiva di innumerevoli complessi di reperti finora mai analizzati, come pure eventuali ritrovamenti scoperti recentemente nei cantoni San Gallo e Appenzello, permetteranno di chiarire i problemi della cronologia e tipologia e della loro diversità rispetto alle regioni limitrofe.

Traduzzione: Christian Saladin, Basilea/Origlio

Reding, Christoph : Mittelalterliche Keramik in den Kantonen St. Gallen und Appenzell – Eigenheiten einer Region
Mittelalter – Moyen AgeMedioevoTemp medieval, Zeitschrift des Schweizerischen Burgenvereins, 6. Jahrgang 2001, Heft 1, .

platzhalter

 
platzhalter
 
 
DE
FR
IT
RO
 
Geschäftsstelle des Schweizerischen Burgenvereins · Blochmonterstrasse 22 · CH–4054 Basel
T +41 (0)61 361 24 44
info@burgenverein.ch / praesident@burgenverein.ch