Mittelalter 2001/1
Heft 2001/1    3. Artikel

«Alt-Weesen», distrusso 1388: un pozzo del ritrovamento archeologico

par Martin P. Schindler

La città di Weesen che è situata sul lato occidentale del Walensee, venne fondata nel XIII sec. Il commercio e la concentrata amministrazione asburgica la fece diventare un centro della regione del Linth. Dopo la battaglia di Näfels (9.4.1388) la città venne incendiata senza averla prima saccheggiata ed in seguito non potè più venir ricostruita.

Nel luogo dove era situata la città vennero effettuati diversi scavi d'emergenza nel 1978, 1988 e 1993/94 di scarsa qualità. Grazie all'impiego di volontari di Weesen si poterono salvare informazioni e reperti. Ciò dimostra che la città distrutta nel 1388 non subì particolari danneggiamenti nel corso dei secoli e che gran parte dell'inventario casalingo è tuttora conservato. Così Weesen diventa un importante sito archeologico della cultura materiale tardo-medievale. Purtroppo, per ora mancano un inventario scientifico, l'elaborazione e l'analisi, come pure il restauro dei reperti.

Traduzzione: Christian Saladin, Basilea/Origlio

Schindler, Martin P. : Das 1388 zerstörte Alt–Weesen: eine archäologische Fundgrube
Mittelalter – Moyen AgeMedioevoTemp medieval, Zeitschrift des Schweizerischen Burgenvereins, 6. Jahrgang 2001, Heft 1, .

platzhalter

 
platzhalter
 
 
DE
FR
IT
RO
 
Geschäftsstelle des Schweizerischen Burgenvereins · Blochmonterstrasse 22 · CH–4054 Basel
T +41 (0)61 361 24 44
info@burgenverein.ch / praesident@burgenverein.ch