Mittelalter 2008/1
Heft 2008/1    3. Artikel

La funzione delle nicchie nella facciata della torre a Ringgenberg è veramente legata alla falconeria?

par Peter Lüps et Marc Nussbaumer

Sulla facciata meridionale e orientale della torre si aprono in totale 56 nicchie, che sono disposte in maniera regolare in due o tre file. Le nicchie sono state apportate durante la costruzione della torre intorno al 1300. Queste aperture nella parete, che sono dotate di lastre di pietra che fungono da tetto e da ripiano, vengono interpretate come luogo di nidificazione per gli uccelli. In queste nicchie probabilmente nidificavano i piccioni. Il motivo di questa funzione non è chiara. Le aperture non sono raggiungibili dall’interno della torre e tantomeno dall’esterno, poichè sarebbero necessarie delle scale alte più di 30 m per arrivare al livello di queste nicchie.

Non è da escludere che i piccioni venivano utilizzati nell’ambito della falconeria. Nel Oberland bernese la falconeria è attestata da diversi reperti che risalgono XII/XIII sec, anche se la regione in questione non è molto adatta a questo tipo di caccia. Forse il signore feudale voleva offrire un luogo di nidificazione alle rondini, che venivano considerate le messaggere della primavera oppure portatrici di fortuna. Questo tipo di apertura non è stato ancora riscontrato in nessun castello della Svizzera. Pertanto si può supporre che questo tipo di nicchia, riscontrabile nei castelli situati nell’Europa meridionale, non era diffuso a nord delle alpi.

(Christian Saladin, Basel)

Lüps, Peter Nussbaumer, Marc : Dienten die Nischen im Turm zu Ringgenberg wirklich der Beizjagd?
Mittelalter – Moyen AgeMedioevoTemp medieval, Zeitschrift des Schweizerischen Burgenvereins, 13. Jahrgang 2008, Heft 1, 16 - 19.

platzhalter

 
platzhalter
 
 
DE
FR
IT
RO
 
Geschäftsstelle des Schweizerischen Burgenvereins · Blochmonterstrasse 22 · CH–4054 Basel
T +41 (0)61 361 24 44
info@burgenverein.ch / praesident@burgenverein.ch