Mittelalter 2011/4
Heft 2011/4    1. Artikel

Dalla casa in pietra alla residenza signorile

Un complesso di edifici nella Technikumstrasse 66 e 68 a Winterthur

par Werner Wild et Peter Niederhäuser

Nel 2009–2011, nel corso di lavori di ristrutturazione in due case situate nella Technikumstrasse 66 e 68 a Winterthur, l’Ufficio dei beni culturali di Zurigo fece delle indagini che si sono concentrate essenzialmente sul piano interrato e sui locali ubicati al pianterreno degli edifici in questione. Il nucleo (Kernbau I) più antico che é stato rilevato – un grande edificio in pietra a base rettangolare di 6,5 per 8,5 m – si eleva in parte ancora per due piani. I muri sono stati eretti utilizzando pietrame di vario genere. A ogni singola parte composta da conci squadrati e pietre arenarie di formato più ridotto, si alternano sezioni in bocce di fiume disposte talvolta a spina di pesce (opus spicatum). L’intonaco in pietra rasa presenta delle linee orrizontali e talvolta anche verticali che sono state tracciate con la punta della cazzuola, nelle quali erano ancora visibili pochi resti di una pittura in ocra rossa. Il concatenamento d’angolo é composto da bugne. L’edificio in pietra fu eretto nel corso del XII secolo e risulta più antico della cinta muraria della città che si estendeva verso sud da 2,2 fino a 2,7 m di distanza. Non é noto se al momento della costruzione dell’edificio esistesse già un’opera fortificata più antica. In una fase sucessiva lo spazio non occupato adiacente le mura cittadine fu integrato nell’edificio in pietra.

Le analisi dendrocronologiche illustrano le varie fasi di costruzione. Nel 1281 (d) la casa attigua situata a est (Kernbau II) venne adossata alla cinta muraria della citta. Tra i due edifici si ergeva una costruzione in legno distrutta da un incendio. Il fuoco che ha danneggiato i muri dei due edifici, ha lasciato anche altre evidenti tracce (pietre arrossate per il calore). Di un edificio successivo (Kernbau III) eretto nel 1317 (d) tra le due case in pietra si conserva la cantina in tutta la sua interezza. Nel 1343 l’edificio suddetto (Kernbau III) e la casa in pietra più antica furono inseriti in un unico grande corpo di fabbrica il cui volume corrisponde approssimativamente a quello della costruzione attuale situata nella Technikumstrasse 68, il cosiddetto "Bauhof". Nel 1405 figurano come proprietari della casa i signori di Adlikon. A partire da quella data é possibile ricostruire la storia della casa e rilevare testimonianze sui vicini che hanno abitato in quel luogo. Mentre il "Bauhof" rimase residenza signorile fino al tardo XVI secolo, nel vicinato troviamo anche ecclesiastici e artigiani.

Le strutture murarie medievali scoperte nel "Bauhof" e nella casa attigua (Technikumstrasse 66) sono state in gran parte inserite nel nuovo concetto di realizzazione. Il buono stato di conservazione ha indotto i proprietari dell’edificio nella Technikumstrasse 68 a utililizzare la cantina tardomedievale come luogo per esposizioni alternate sull’arte moderna.
Christian Saladin (Basilea/Origlio)

Wild, Werner Niederhäuser, Peter : Vom Steinhaus und Adelssitz zum "Bauhof"
Mittelalter – Moyen AgeMedioevoTemp medieval, Zeitschrift des Schweizerischen Burgenvereins, 16. Jahrgang 2011, Heft 4, 121 - 154.

platzhalter

 
platzhalter
 
 
DE
FR
IT
RO
 
Geschäftsstelle des Schweizerischen Burgenvereins · Blochmonterstrasse 22 · CH–4054 Basel
T +41 (0)61 361 24 44
info@burgenverein.ch / praesident@burgenverein.ch