Mittelalter 2012/4
Heft 2012/4    1. Artikel

Castello di Mesocco – Nuove indagini riguardo alla storia dello sviluppo architettonico

par Augustin Carigiet

Il castello di Mesocco è il fortilizio più esteso del Canton Grigioni. Nel 1526 i Grigioni ordinarono lo smantellamento del castello. Nel 1925/26 oltre a far eseguire degli scavi nell’area del castello, la "Pro Campagna" fece opportunamente anche consolidare e ricostruire i resti murari. La direzione dei lavori era affidata all’architetto Eugen Probst. Con la costruzione della nuova strada nazionale A 13 nel 1986 si imposero nuovi interventi di consolidamento. Tali lavori interessarono però solo l’area settentrionale del castello. Dal 2006 fino al 2009 grazie alla "Fondazione Castello di Mesocco" furono, a tappe, consolidati anche i restanti resti murari. Gli interventi furono accompagnati dal Servizio archeologico dei Grigioni. Lo scopo delle indagini fu quello di stabilire una cronologia relativa dei resti murari.

L’edificio più antico situato nell’area del castello è una cappella altomedievale (1), i cui resti, situati all’interno della chiesa carolingia dedicata a San Cristoforo (2) e ora rovina, furono riportati alla luce da Eugen Probst. A nord dei due edifici sacri si erge il campanile alto sette piani (3). Questo risale, sulla base della datazione dendrocronologica, all’anno 1067(d).

La torre principale (4) è l’edificio signorile più antico che si erge tra i ruderi. Le sue origini risalgono probabilmente al periodo dell’ascesa dei De Sacco nel XII secolo. Una cinta muraria più antica (5) è stata rilevata sul bordo occidentale dell¬Ďarea del castello. Questa collega l’angolo sudovest della torre principale con quello di nordovest del campanile.

Um primo nuovo palazzo (6) viene eretto nel XIII secolo. Sul lato nord del palazzo si estende un edificio annesso (7). Tramite un muro di difesa (8) viene a crearsi verso sudest un ampliamento dell’area del castello. In questa area si conserva fino ad oggi l’entrata al castello. All’interno dell’area ampliata verso sudest si erge anche una costruzione adibita a bagno (9).

Intorno al 1400 con la costruzione del palazzo a tre piani (10) la rocca si trasforma in un nucleo serrato. Il muro di difesa preesistente subisce un innalzamento di due metri (11). Contemporaneamente viene eretta anche la torre meridionale (12). L’accesso al castello preesistente viene fortificato con l’aggiunta di una porta–torre (13) con ingresso sul fianco protetto da un fossato. In quel periodo l’area del castello subisce un ampliamento verso settentrione (14). Questi interventi, come anche i vari ampliamenti del castello effettuati verso la fine del XIV secolo e agli inizi XV secolo, sono riconducibili con ogni probabilità ad Alberto De Sacco.

Nel 1480 il castello insieme alla signoria mesolcinese passa al milanese Gian Giacomo Trivulzio. Questo trasforma il castello preesistente in una poderosa roccaforte. Le cinte murarie vengono rafforzate ulteriormente. Le massicce torri (17–21) vengono munite di bocche da fuoco. Il cammino di ronda largo più di tre metri presenta un parapetto poggiante su mensole (beccatelli) tripartite. Questo baluardo milanese è chiaramente rivolto verso settentrione. Ciò comportò infine lo smantellamento della fortezza per ordine dei Grigioni nel 1526.

Christian Saladin (Basilea/Origlio)

Carigiet, Augustin : Castello di Mesocco  Eine Nachuntersuchung zur Baugeschichte.
Mittelalter – Moyen AgeMedioevoTemp medieval, Zeitschrift des Schweizerischen Burgenvereins, 17. Jahrgang 2012, Heft 4, 190-198.

platzhalter

 
platzhalter
 
 
DE
FR
IT
RO
 
Geschäftsstelle des Schweizerischen Burgenvereins · Blochmonterstrasse 22 · CH–4054 Basel
T +41 (0)61 361 24 44
info@burgenverein.ch / praesident@burgenverein.ch